Il futuro mi rincorre, adesso devo scappare.

La differenza tra l’attesa e la stasi è data dalla direzione. Nella prima è già decisa, nella seconda è indefinita o semplicemente assente.
È facile sentirsi in bilico tra questa due condizioni.
Da un po’ di tempo ho iniziato a correre. Non tanto, mezz’ora, quaranta minuti al massimo. Lo faccio in pausa pranzo. Alle volte quando sono in aperta campagna, mi fermo qualche secondo per sentirmi il polso e godermi un po’ di solitudine, mentre il petto si muove ritmicamente in cerca di ossigeno. Vorrei pensare di essermi riguadagnato il piacere della fatica, del dolore positivo.
Ecco, forse in questo momento della mia vita sto semplicemente rifiatando, e al punto in cui sono arrivato non conta la strada fatta.
Conta la direzione.

Annunci

Informazioni su astrogatore


One response to “Il futuro mi rincorre, adesso devo scappare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: